L’arte di cambiare il mondo

OggiScienza

A che velocità cambia il clima? In che modo i cambiamenti globali della Terra entrano nelle storie dei singoli individui? In un percorso che oscilla tra provocazione e contemplazione della bellezza del pianeta, più di trenta artisti contemporanei hanno provato a rispondere ad alcune di queste domande e a rielaborare il dibattito di scienziati e politici sul clima in una nuova nuova chiave narrativa. È nata così Earth. Art of changing world, la mostra sui cambiamenti climatici inaugurata oggi alla Royal Academy of Arts di Londra. Aria, cielo, elementi organici, sono alcuni degli ingredienti che si intrecciano su diversi materiali e piani percettivi, in un racconto di migrazioni, di biodiversità, di fragilità ma anche e, soprattutto, di emozioni e speranza. Earth sarà aperta al pubblico fino al 31 gennaio 2010. Eccone un assaggio virtuale.


View original post

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.