A caccia di ghiaccio nero

OggiScienza

La fuliggine immessa nell’aria viaggia trasportata dai venti e si deposita nelle zone più prossime al Circolo Polare Artico, “colorando” la superficie ghiacciata. Crediti immagine: Pixabay

SPECIALE DICEMBRE – Non è un bel periodo per enti e associazioni statunitensi che si occupano degli studi sugli effetti del cambiamento climatico. A maggio 2017 il governo di Donand Trump ha ridimensionato nettamente il budget destinato a questo particolare settore di ricerca, tagliando i finanziamenti a disposizione dell’EPA per il 2018 di quasi un terzo rispetto agli anni precedenti. In un momento come questo è fondamentale supportare chi, con il proprio lavoro, fornisce da anni le prove del cambiamento del clima in corso e ne indaga le cause nel profondo, come nel caso del Dark Snow Project, un progetto di ricerca e di divulgazione scientifica rivolto al grande pubblico che indaga una delle manifestazioni più evidenti dell’inquinamento alla base del riscaldamento…

View original post 408 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.