Mansourasaurus shahinae: il santo graal dei dinosauri africani

OggiScienza

Il Mansourasaurus apparteneva ai Titanosauria, un gruppo di sauropodi comuni in tutto il mondo durante il Cretaceo. Crediti immagine: Andrew McAfee, Carnegie Museum of Natural History

RICERCA – Il deserto del Sahara è uno degli ambienti più inospitali per la vita ma anche un tesoro di forme di vita allo stato fossile. Dall’immenso ‘scatolone di sabbia’ emergono resti fossili di numerosi organismi che testimoniano ambienti molto diversi da quello attuale e soprattutto permettono di scrivere pagine ancora bianche della storia paleontologica del Pianeta Terra.

Nel 1912 dal Sahara egiziano era emerso il primo scheletro di Spinosaurus, il più sorprendente dei dinosauri carnivori, in grado allo stesso tempo di affascinare e di mettere alla prova gli esperti. È stato in mostra anche dalle nostre parti negli scorsi anni, e tuttora, a distanza di oltre un secolo, ci si interroga sulle sue vere abitudini di vita. Ben più recente…

View original post 694 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.