TMS e depressione: un possibile approccio terapeutico?

OggiScienza

TMS, una tecnica non invasiva della neurofisiologia. Immagine di Eric Wassermann MD, Wikimedia Commons Public Domain

SALUTE – La depressione è contraddistinta, così come molti altri disturbi di natura psichiatrica, da una intrinseca complessità che rende gli approcci terapeutici molto difficili e i risultati ottenuti spesso poco significativi o transitori. Negli ultimi anni si sono perciò succeduti diversi tentativi di sviluppare terapie innovative, che andassero ad affiancare le più comunemente utilizzate (quelle di natura comportamentale) e che fossero basate sulla complessa neurobiologia alla base dei disturbi depressivi.

Grazie allo sviluppo e all’applicazione sempre più massiccia delle tecniche di imaging cerebrale è stato possibile delineare i precursori biochimici e le aree del sistema nervoso centrale che giocano un ruolo chiave nella regolazione delle emozioni, il cui funzionamento non ottimale può portare all’insorgenza della depressione.

La depressione è un disturbo dell’umore che coinvolge, nella sua eziologia, diverse strutture del sistema nervoso centrale

View original post 730 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.