Dall’oppio ai videogame

Le società umane sono in continua evoluzione, e con esse cambiano molti dei costrutti che le caratterizzano: le correnti di pensiero, il concetto di arte, le tecnologie e gli strumenti a disposizione, la conoscenza del mondo circostante. Non è quindi una sorpresa che anche il concetto di malattia, di cosa sia disturbo e di cosa invece non lo sia, sia molto variabile e legato a doppio filo sia con il tipo di comunità che si sta analizzando, sia con il contesto storico in cui l’analisi avviene.

Anche per questo motivo da diversi anni un organismo riconosciuto trasversalmente a livello dei diversi Stati, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), redige una lista delle patologie conosciute, l’International Classification of Diseases (ICD). L’ICD è ormai giunto alla decima edizione e quest’anno è prevista la pubblicazione del suo nuovo aggiornamento, che contiene un’interessante novità, spunto di riflessione nell’ambito del rapporto dell’uomo con le nuove tecnologie: sembra infatti che nell’ XI edizione dell’ICD figurerà, nel contesto delle patologie psichiatriche, la dipendenza da videogiochi.

Continua a leggere su Oggiscienza: Dall’oppio ai videogame

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.