Quando il videogioco è come una droga

Una partita, poi un’altra, e un’altra ancora, “no aspetta ancora un livello”, “batto questo record e poi spengo”. E in un attimo è passato il pomeriggio, senza che si riesca a spegnere il computer o la console. Sono moltissime le persone (auto-ammissione di colpa da parte di chi scrive) che si sono trovate in questa situazione almeno una volta nella vita.

Come nel caso dell’uso di alcol, o di sostanze stupefacenti, non basta tuttavia un singolo eccesso per definire uno stato di dipendenza. Nel mondo, però, sta crescendo in maniera preoccupante il numero di gamer che assume, nei confronti dei videogiochi, un pattern comportamentale riconducibile alle dipendenze. Per questo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta valutando l’ipotesi di inserire la dipendenza da videogiochi nella prossima edizione dell’International Classification of Diseases, la lista delle patologie ufficialmente riconosciute.

Continua a leggere su Oggiscienza: Quando il videogioco è come una droga

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.