A Verona la prima macchina europea per la terapia con ultrasuoni focalizzati

Dopo un periodo di test che ha permesso di valutarne l’efficacia, è stata presentata nei giorni scorsi a Verona, presso l’Ospedale di Borgo Trento la prima apparecchiatura in Europa in grado di eseguire una terapia con ultrasuoni focalizzati guidata da una risonanza magnetica a 3 Tesla, quindi molto più potente rispetto alle più diffuse apparecchiature a 1,5 Tesla, e soprattutto che può lavorare sia in pazienti neurologici – come per esempio persone con forte tremore da Parkinson refrattari ai normali trattamenti – che condizioni non neurologiche: fibromi uterini e adenomiosi, alcuni tumori benigni dell’osso, nonché essere usata nelle cure palliative per le metastasi ossee.

Un investimento di oltre 7 milioni di euro che porta l’Azienda veronese, e quindi l’Italia, all’avanguardia in Europa. “Ci sono altri centri, evidentemente, in Italia che hanno apparecchiature simili, ma dedicate esclusivamente al campo neurologico oppure a patologie ginecologiche e oncologiche” spiega a OggiScienza Stefania Montemezzi, direttore del Dipartimento di Patologia e Diagnostica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona.

Continua a leggere su Oggiscienza: A Verona la prima macchina europea per la terapia con ultrasuoni focalizzati

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.