Dinamo turbolenta: svelato in laboratorio l’universo magnetico

Viviamo in un universo altamente magnetico, ma da dove arrivano i suoi campi e come vengono intensificati è stato per lungo tempo un mistero. Sono molte le teorie che spiegano la generazione dei campi magnetici cosmici, ma solo una ha trovato una prima verifica sperimentale. Si tratta della teoria della dinamo turbolenta, secondo cui le turbolenze nel plasma incandescente nelle stelle e nel cuore dei pianeti, ma anche nelle galassie, è in grado di intensificare un debole campo magnetico fino alle magnitudo di quelli osservati nel cosmo. La conferma della teoria si deve ricercatori del Flash Center for Computational Science dell’Università di Chicago, che hanno ricreato questi potenti campi magnetici nei laboratori dell’Omega Laser Facility di Rochester, vicino New York.

Continua a leggere su Oggiscienza: Dinamo turbolenta: svelato in laboratorio l’universo magnetico

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.