Emmy Noether, storia di una grande matematica

IPAZIA – Il teorema di Noether ha da poco compiuto cento anni. Definito “la spina dorsale della fisica moderna”, ha trovato applicazione negli ambiti più disparati – dalla meccanica quantistica allo studio delle particelle elementari, dalla termodinamica alla teoria della relatività – rivelandosi uno degli strumenti più importanti per la nostra comprensione della natura. Nelle venti pagine di questo lavoro, pubblicato per la prima volta il 25 gennaio 1918, è dimostrata in modo elegante e coerente la connessione fra le leggi di conservazione e le simmetrie di un sistema fisico. Dietro la sua formulazione c’è il genio di una matematica tedesca. Si chiamava Emmy Noether ed è riuscita a portare avanti le sue ricerche nella Germania di inizio secolo, un paese in cui le donne potevano aspirare al massimo a “Kinder, Kirche und Küche”, “bambini, chiesa e cucina”. Contro il sessismo e la misoginia dell’epoca, contro ogni aspettativa, conquistando pezzo dopo pezzo e con la sola forza della sua intelligenza ciò che i suoi colleghi maschi potevano avere senza fatica, Emmy Noether si è ritagliata uno spazio tra i grandi.

Continua a leggere su Oggiscienza: Emmy Noether, storia di una grande matematica

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.