Dalla medicina alla paleontologia con la tomografia a raggi X

La microtomografia è una tecnica molto simile alla tomografia che si fa in ospedale, la TAC: se nella TAC il paziente è fermo e le sorgenti si muovono, nel caso della microtomografia a raggi X il detector e la sorgente sono fissi e quello che si muove è il campione. Quest’ultimo, in particolare, viene installato su uno stage di rotazione: a diversi step di rotazione, e in modo regolare, vengono acquisite delle radiografie dell’oggetto con un detector digitale. Poi le immagini vengono combinate per ottenere un’immagine virtuale tridimensionale del campione. Si parla di microtomografia proprio perché la risoluzione spaziale è dell’ordine della frazione di micron fino ad alcune decine di micron, mentre nella TAC la risoluzione è della frazione del millimetro.

Continua a leggere su Oggiscienza: Dalla medicina alla paleontologia con la tomografia a raggi X

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.