Evoluzione umana: più di 300.000 anni fa i primi indizi di una “nuova” cultura

Queste nuove abitudini, tipiche degli uomini dell’età della pietra media (la Middle Stone Age), risalgono quindi a decine di migliaia di anni prima rispetto a quanto creduto finora. Si collocano così nello stesso periodo a cui appartengono i più antichi fossili di Homo Sapiens.

Le prove che attestano l’esistenza di queste tappe fondamentali per la storia evolutiva dell’uomo derivano dal bacino di Olorgesailie, una formazione geologica situata nel Kenya meridionale contenente un gruppo di siti archeologici del Paleolitico inferiore. Le nuove scoperte sono state descritte in tre articoli pubblicati su Science e condotti da un team internazionale guidato dagli antropologi del Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian Institute.

Continua a leggere su Oggiscienza: Evoluzione umana: più di 300.000 anni fa i primi indizi di una “nuova” cultura

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.