Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo

È il 1943 quando Leo Kanner, psichiatra austriaco naturalizzato statunitense, docente alla Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora (Stati Uniti), descrive per la prima volta in un articolo dal titolo Disturbi autistici del contatto affettivo il comportamento di 11 bambini ricoverati nella sua clinica. I piccoli pazienti apparivano disinteressati alle persone e per lo più concentrati o ossessionati dagli oggetti; inoltre, manifestavano comportamenti ridondanti e reazioni incontrollate di fronte a cambiamenti improvvisi della propria routine quotidiana. Kanner, mutuando il termine adottato nel 1911 dallo psichiatra svizzero Eugen Bleuler per descrivere uno stato di “evasione dalla realtà accompagnata dal predominio relativo o assoluto della vita interiore” riscontrato nell’adulto e identificato come sintomo secondario della schizofrenia, definì la condizione dei piccoli pazienti come autismo infantile.

Continua a leggere su Oggiscienza: Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.