I pionieri della rivoluzione informatica

Se stai leggendo questo testo significa che hai un computer, un tablet o uno smartphone sotto gli occhi. Pensaci un attimo: a chi devi queste tecnologie? Prenditi un paio di minuti, noi aspettiamo.

Ecco, magari ti sono venuti in mente Bill Gates, fondatore di Microsoft, oppure Steve Jobs, il genio di Apple, o ancora Mark Zuckerberg, la mente dietro Facebook. Tutto vero, ma incompleto e (diciamocelo), un po’ banale. La tecnologia che ha portato alla rivoluzione informatica è il frutto del lavoro e del pensiero di tanti inventori e scienziate che non sono diventati né famosi né ricchi come il trio che (forse) hai pensato. Persone che hanno pensato molto più in fretta di quanto il loro tempo potesse permettere, ma che hanno aperto la strada agli strumenti che oggi ci sono più familiari. Veri e propri pionieri.

Continua a leggere su Oggiscienza: I pionieri della rivoluzione informatica

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.