Spintronica e superconduttori per il futuro del calcolo ad alte prestazioni

Se la tecnologia al silicio è ormai prossima al suo limite di calcolo, gli scienziati inseguono ormai l’obiettivo della spintronica. Una nuova elettronica dove l’informazione viene codificata dallo spin “up” e “down” dell’elettrone, analogo del codice binario che usa i bit 0 e 1, e la caccia ai materiali adatti è aperta ormai. Un nuovo risultato arriva ora dal team di ricercatori dell’Università di Cambridge guidato da Mark Blamire, che ha scoperto che alcuni superconduttori sono in grado di trasportare la corrente di “spin”. Proprio dalla combinazione tra superconduttività e spin si potrà ottenere la rivoluzione del calcolo ad alte prestazioni, riducendo drasticamente il consumo di energia.

Lo spin è una grandezza quantistica che esprime il momento angolare intrinseco dell’elettrone, che può avere due orientazioni: “up” e “down”. Gli elettroni si comportano come piccoli magneti che orbitano intorno ai nuclei atomici e si allineano in una delle due direzioni. La spintronica nacque così dall’idea di sostituire l’archiviazione delle informazioni dai dispositivi a memoria magnetica, dove si utilizza il flusso della corrente elettrica in transistor al silicio, a dispositivi basati su questa proprietà intrinseca dell’elettrone.

Continua a leggere su Oggiscienza: Spintronica e superconduttori per il futuro del calcolo ad alte prestazioni

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.