LIBRI – L’erba magica di Tu Youyou

CULTURA – Le storie che stanno dietro i premi Nobel sono spesso molto curiose, e quella di To Youyou non è da meno. La prima donna cinese a vincere il premio a 40 anni di distanza dalla sua scoperta, che al tempo non fu nemmeno pubblicata con la sua firma, ma che ha rivoluzionato il modo di curare una delle malattie più diffuse nel pianeta. Stiamo parlando della malaria. To Youyou è infatti la donna che per prima riuscì nel 1972 a ottenere un estratto delle foglie di Artemisia annua, quello che poi è diventato il Cotexcin, il noto farmaco antimalarico.

Lei, quella bambina proveniente da un paesino sulla costa orientale della Cina, cresciuta seguendo ogni giorno l’anziano medico del suo paese raccogliere piante e fiori nella foresta, è riuscita trent’anni dopo a salvare milioni di vite in tutto il mondo.

Continua a leggere su Oggiscienza: LIBRI – L’erba magica di Tu Youyou

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.