L’ultima parola di Hawking sul multiverso

Di Vincenzo Senzatela

Hawking e Hertog hanno cercato di dare una nuova descrizione dell’universo inflazionario ricorrendo al principio olografico. Crediti immagine: Pixabay

APPROFONDIMENTO – Frattale o regolare? Finito o infinito? Questo è il problema a proposito della struttura del multiverso così come è stato posto da un nuovo modello della formazione dell’universo frutto dell’ultimo lavoro di Hawking, il celebre scienziato venuto a mancare lo scorso 14 marzo.

Basato sulla teoria delle stringhe, è stato ottenuto applicando il principio olografico alla teoria dell’inflazione eterna. Uno studio teorico molto complesso che se non avesse avuto la firma di Hawking forse non avrebbe avuto particolare risonanza e sarebbe rimasto di nicchia, ristretto all’ambiente dei pochi addetti ai lavori. Svolto in collaborazione col fisico belga Thomas Hertog era stato annunciato a luglio dello scorso anno, ma è stato sottomesso solo a inizio anno ed è uscito ormai postumo sulla rivista Journal of High Energy Physics.

Continua a leggere su Oggiscienza: L’ultima parola di Hawking sul multiverso

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.