La paleodieta aiuta a prevenire il diabete?

L’idea alla base della cosiddetta paleodieta è molto semplice: se i nostri antenati non soffrivano di determinate malattie è perché mangiavano solo certi alimenti. Nello specifico, quelli per cui erano naturalmente predisposti. Il nome, infatti, fa riferimento al Paleolitico, periodo della storia umana che precede l’introduzione dell’allevamento e dell’agricoltura. Di conseguenza, la dieta paleolitica comprende tutto ciò che ci si poteva procurare attraverso la caccia o il raccolto di vegetali spontanei ed esclude, invece, tutti gli alimenti processati. Sì quindi a carne, midollo, cervella, sangue, pesce, crostacei, insetti, uccelli, uova, semi, radici e vegetali appena spuntati. Vietati invece pasta, riso, pane, olio e derivati del latte. A partire dagli anni Settanta si è diffusa, soprattutto grazie alle testimonianze di alcuni personaggi del mondo dello spettacolo e chef di successo, l’idea che la paleodieta si associasse a un migliore stato di salute. Ad esempio, questa “dieta dell’uomo delle caverne” è stata proposta come strategia per la prevenzione del diabete di tipo 2.

Continua a leggere su ‘Dottore, ma è vero che…?’, dove troverai altre risposte interessanti.  – La paleodieta aiuta a prevenire il diabete?

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.