Tossicità chimica, un programma batte la sperimentazione animale

Secondo un gruppo di ricerca, un programma di apprendimento automatico addestrato su grandi quantità di dati relativi alla sicurezza delle sostanze è talmente bravo a prevedere alcuni tipi di tossicità che ormai rivaleggia, e a volte supera, i costosi studi su animali.

I modelli al computer potrebbero sostituire alcuni studi standard sulla sicurezza effettuati ogni anno su milioni di animali, come l’instillazione di composti negli occhi dei conigli per verificare se sono irritanti, o l’alimentazione dei ratti con sostanze per stabilirne le dosi letali, dice Thomas Hartung, tossicologo alla Johns Hopkins University a Baltimora, in Maryland. “La potenza dei big data ci permette di creare uno strumento più predittivo di molti test sugli animali.”

Continua a leggere su Le Scienze: Tossicità chimica, un programma batte la sperimentazione animale

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.