Rallenta, si arresta, forse riparte. Ciò che (non) sappiamo sulla Corrente del Golfo

Davide Michielin

AMBIENTE – Dal colossal hollywoodiano The day after tomorrow al più intrigante romanzo Il quinto giorno, la corrente del Golfo è una dei protagonisti immancabili di quel filone della fantascienza che cavalca le catastrofi ambientali, spesso innescate dall’uomo stesso. Nello scenario più frequente, il repentino arresto di questa corrente calda che dal Golfo del Messico risale l’oceano Atlantico lambendo e mitigando il clima dell’Europa settentrionale, trasforma in un batter d’occhio queste regioni in inferni siderali. L’innalzamento del mare e gli tsunami cancellano le metropoli costiere, presto ammantate da una coltre glaciale da cui, scenograficamente, fanno capolino le rovine più maestose della nostra civiltà. A seguire, le conseguenze si allargano all’intero pianeta: quella del Golfo è parte integrante del vasto sistema di correnti noto come Capovolgimento meridionale della circolazione atlantica (o per praticità con l’acronimo inglese AMOC), tra i principali ‘nastri trasportatori’ di energia termica dai tropici al polo nord e viceversa.

Continua a leggere su Oggiscienza: Rallenta, si arresta, forse riparte. Ciò che (non) sappiamo sulla Corrente del Golfo

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.