Il progetto Sky Canvas: stelle cadenti artificiali

Gianluca Liva

COSTUME E SOCIETÀ – Ogni anno, ad agosto, il nostro pianeta attraversa lo sciame meteorico delle Perseidi, originato dalla cometa Swift-Tuttle. È in quel periodo dell’anno che, da Terra, si osserva un meraviglioso fenomeno astronomico noto in Italia come Lacrime di San Lorenzo, una pioggia di stelle cadenti che, secondo la nostra tradizione, raggiunge il suo apice nella notte del 10 agosto.

Lo spettacolo è così suggestivo che qualcuno ha pensato fosse un peccato potere ammirare le pioggia di meteore solo per pochi giorni all’anno: perché non creare artificialmente le stelle cadenti?

È proprio questa la domanda che si è posta Lena Okajima, CEO di ALE Co., Ltd. (acronimo di Astro Live Experience), quando, nel 2001, osservava ammirata lo sciame delle Leonidi impreziosire lo spettacolo celeste delle notti di novembre. È così che è nato Sky Canvas, il primo progetto al mondo di stelle cadenti artificiali che ha l’obiettivo di “riunire persone in tutto il mondo per assistere a un’esperienza collettiva senza precedenti”.

Continua a leggere su OggiscienzaIl progetto Sky Canvas: stelle cadenti artificiali

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.