Estate 2018 in Calabria tra scienza e natura

Vincenzo Senzatela

COSTUME E SOCIETÀ – Imponenti massicci collegati da aspre catene montuose strette tra Tirreno e Ionio, ecco la Calabria. Divisa tra mare e montagna la regione offre una natura varia e rigogliosa, tra picchi scoscesi, vasti altipiani, impetuose fiumare e coste rinomate per la loro bellezza. Dalle spiagge ai resti della Magna Grecia, dagli antichi borghi medioevali alla tradizione culinaria, la regione ha molto da offrire al turismo e anche gli amanti di scienza e natura non rimarranno delusi. Tra parchi nazionali, aree protette e musei ecco cosa propone loro l’estate calabrese.

Crediti immagine: Wikimedia Commons

Scienza e tecnologia

Iniziamo il viaggio nella regione da Reggio Calabria dove vi sono il Museo Paleomarino e il Planetario Pithagoras. Il museo è diviso nelle sezioni di biologia marina e paleontologica. La prima è dedicata soprattutto alle specie marine mediterranee con numerose conchiglie e con una sezione dedicata ai pesci abissali dello Stretto di Messina. La seconda è invece dedicata ai fossili marini provenienti principalmente dal territorio della zona, che con i suoi antichi terrazzi marini è considerato un paradiso per la biologia marina.

Continua a leggere su Oggiscienza: Estate 2018 in Calabria tra scienza e natura

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.