Svelati i segreti del genoma del grano tenero

Il sequenziamento completo ad alta definizione del genoma del grano tenero, corredato della misurazione dei livelli di espressione dei suoi geni, è stato realizzato dai ricercatori dell’International Wheat Genome Sequencing Consortium (IWGSC), un consorzio di ricerca che ha coinvolto oltre 2400 ricercatori di 68 paesi.

Lo studio, durato 13 anni, permetterà di mettere a punto nuove varietà di frumento in grado di far fronte all’aumento del fabbisogno alimentare umano e alle sfide dei cambiamenti climatici, ma permetterà anche di fronteggiare meglio la patologie allergiche e le intolleranza a questo alimento. Inoltre esso ha anche permesso di chiarire l’origine evolutiva del grano. La ricerca è illustrata in due articoli pubblicati su “Science” e uno pubblicato su “Science Advances”.

Continua a leggere su Le ScienzeSvelati i segreti del genoma del grano tenero 

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.