Ammassi di galassie per spiegare l’energia oscura

Luisa Alessio

RICERCANDO ALL’ESTERO – Gli ammassi di galassie sono i più grandi oggetti legati gravitazionalmente dell’Universo: hanno una massa di milioni di miliardi di stelle e, in genere, sono composti da decine o migliaia di galassie. La loro formazione ed evoluzione sono strettamente collegate alla storia di espansione dell’Universo. Per questo motivo, gli studi sugli ammassi di galassie sono diventati fondamentali per riuscire a stabilire un modello standard della cosmologia, con un Universo dominato dalla materia oscura e dall’energia oscura.

Crediti immagine: UCL Mathematical & Physical Sciences, Flickr

Matteo Costanzi lavora all’USM-LMU di Monaco di Baviera e si occupa dello studio dell’Universo su larga scala attraverso ammassi di galassie. Nella sua ricerca confronta le proprietà statistiche di queste strutture con le osservazioni ottenute dai telescopi in banda ottica.

Continua a leggere su OggiscienzaAmmassi di galassie per spiegare l’energia oscura

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.