Elettronica, nuovi materiali e carta da parati

Vincenzo Senzatela

TECNOLOGIA – Cosa c’entrano le caratteristiche della carta da parati con lo sviluppo dell’elettronica e cosa hanno a che fare con una forma esotica di materiali isolanti appena scoperta? Lo spiega un team di ricercatori in uno studio pubblicato su Science. La ricerca, frutto della collaborazione di gruppi di ricerca della Princeton University, della University of Pennsylvania, della Sungkyunkwan University, della Freie Universität Berlin e del Max Planck Institute of Microstructure Physics, è ricorsa proprio alle particolari proprietà matematiche che descrivono la struttura della carta da parati per analizzare le caratteristiche dei composti chimici. Questo ha permesso di individuare una nuova forma di materiali isolanti dotati di una superficie metallica e capace di condurre con proprietà molto promettenti per lo sviluppo dell’elettronica e forse anche del  calcolo quantistico.

Crediti immagine: Benjamin Wieder, Princeton University Department of Physics

“La bellezza della topologia sta nel fatto che si possono applicare i principi della simmetria per trovare e categorizzare i materiali” racconta Andrei Bernevig, professore di fisica della Princeton, commentando le potenzialità di questa branca della matematica nello studio della struttura dei materiali.

Continua a leggere su OggiscienzaElettronica, nuovi materiali e carta da parati

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.