Françoise Barré-Sinoussi, l’AIDS e la scoperta dell’HIV

Simone Petralia

IPAZIA – Secondo gli ultimi dati di UNAIDS, istituto dell’ONU che si occupa di studiare, prevenire e combattere l’AIDS, oggi nel mondo vivono circa 37 milioni di persone sieropositive. I nuovi infetti sono quasi 2 milioni ogni anno, di cui 150.000 bambini, e solo poco più del 50% di chi vive con l’HIV si sottopone a cure e terapie.

In molti ottengono una diagnosi quando ormai è troppo tardi: nel 2017 il numero complessivo di morti per patologie connesse all’AIDS – pur essendo in diminuzione rispetto agli anni precedenti – ha sfiorato il milione. E i morti totali dal 1981, anno in cui la malattia ha iniziato a diffondersi, sono oltre 35 milioni. Una cifra impressionante. Eppure dell’AIDS si parla ormai molto poco, come se si trattasse di un fenomeno del passato, quantomeno nei paesi industrializzati. Non è così. In Italia, secondo gli ultimi dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, risalenti al 2016, vivono circa 130.000 sieropositivi e l’incidenza più alta di nuovi casi riguarda la fascia d’età che va dai 25 ai 29 anni, segno che nelle nuove generazioni è venuta meno la consapevolezza dei rischi legati al contagio.

Continua a leggere su Oggiscienza: Françoise Barré-Sinoussi, l’AIDS e la scoperta dell’HIV

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.