La tavola periodica dell’abbondanza

Marco Milano

Il 6 marzo 1869, un giovane chimico russo che aveva preso parte come studente al primo Congresso Internazionale di Chimica di Karlsruhe nel 1860, si presentò alla Società dei Chimici per illustrare i risultati dei suoi studi sulle proprietà degli elementi. In quell’occasione, Dmitrij Ivanovič Mendeleev attirò per la prima volta l’attenzione della comunità scientifica con la sua tavola degli elementi, apparsa a maggio dello stesso anno su Zhurnal Russkogo khimicheskogo obshchestva (Journal of the Russian Chemical Society) e poi nel suo libro “I Principi di Chimica”.

Per celebrare il 150° anniversario di quell’evento così cruciale per la chimica e la scienza moderna, l’UNESCO ha deciso di dedicare all’anno in corso il tema della Tavola periodica degli Elementi. Con l’ “International Year of Periodic Table of Chemical (IYPT2019) si vuole ricordare il lavoro di Mendeleev con lo scopo di riconoscere, valorizzare e divulgare il prezioso e vasto patrimonio di conoscenza che ruota attorno alla chimica e agli elementi, protagonisti costanti delle nostre vite, anche se spesso inavvertiti o ignorati.

Continua a leggere su Oggiscienza: La tavola periodica dell’abbondanza

P.S.: vi potrebbe interessare la tavola degli elementi interattiva, disponibile a questo link.

Tavola.JPG

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.