Per migliorare una tecnologia non serve comprenderla

Molti degli strumenti che usiamo da millenni, come l’arco o la canoa, mostrano un eccellente grado di sviluppo tecnologico, adatto alle esigenze di sopravvivenza in un ambiente naturale. Questo sviluppo ha dello stupefacente, considerato che si tratta di manufatti realizzati senza un progetto e senza una comprensione teorica dei molteplici parametri coinvolti, difficili da cogliere anche con buone conoscenze di fisica.

Per migliorare una tecnologia non serve comprenderla

Boscimani a caccia con arco e frecce. Anche nelle società tradizionali, sono in uso tecnologie con un elevato grado di perfezionamento, frutto di miglioramenti stratificati in molte generazioni (Agefotostock / AGF)

Uno studio pubblicato su “Nature Juman Behavior” da un gruppo internazionale di ricerca guidato da Maxime Derex, dell’Università di Exeter, nel Regno Unito e dell’Università Cattolica di Lille, in Francia, dimostra ora grazie a un esperimento che non è necessario comprendere una tecnologia per riuscire a migliorarla.

Continua a leggere su Le Scienze: Per migliorare una tecnologia non serve comprenderla

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.