La difficile vita dei rifiuti

La nuova giunta della città dove vivo ha recentemente iniziato una rivalutazione del sistema di raccolta dei rifiuti, rimandando l’avvio del porta a porta ‘spinto’, il cosiddetto ‘Modello Contarina’, e prendendo in considerazione anche l’eventuale costruzione di un termovalorizzatore.

Ovviamente una notizia del genere ha scatenato i commenti sui social, e ho letto affermazioni di ogni tipo, tra cui la completa inutilità dei termovalorizzatori (definiti il male assoluto) perché con la raccolta differenziata si risolve del tutto il problema.

Ho la netta sensazione che molti commentatori, soprattutto i più scatenati, non abbiano chiarissimo il problema rifiuti. Non che io sia un grande esperto, ma qualcosina, sia per interesse ecologista che per incarichi lavorativi, purtroppo ne mastico.

Per prima cosa bisogna aver ben chiaro che non esiste un tipo di rifiuti. Ci sono quelli urbani, quelli speciali, quelli industriali, quelli da scavo eccetera. Esistono norme a livello europeo che codificano i rifiuti con il cosiddetto Codice CER, e che cercano di garantire tracciabilità dei diversi tipi di rifiuto per evitare ‘sparizioni’…

Ogni tipo di rifiuto deve essere trattato nel modo corretto, e il primo obiettivo del sistema è il RIUTILIZZO, il RECUPERO e il RICICLAGGIO. Siccome questo non è possibile per tutto, ci sono poi il conferimento in discarica e l’incenerimento.

L’Unione Europea cerca di darsi delle norme per la corretta gestione dei rifiuti. Non sempre rappresentano il meglio offerto dalla tecnologia, ma almeno ci sono delle basi comuni valide come il pacchetto economia circolare e la direttiva plastiche monouso. E tutto si può, anzi si deve, migliorare.

Considerando tutto il ‘sistema rifiuti’, a mio avviso ci sono diversi passi da considerare, che in funzione dell’ambito, domestico, industriale, sanitario, possono essere facili e risolutivi o estremamente difficili da gestire.

1 – EVITARE di produrre il rifiuto. Sembra banale, ma non comprare più cibo di quello che occorre, non usare contenitori monouso, privilegiare prodotti con imballo ridotto è il primo passo per la riduzione di rifiuti prodotti.

2 – Valutare se si può riutilizzare. Quello che per noi è un rifiuto per altri può essere utile. Per esempio, se decido di liberare la libreria, invece di buttare libri e riviste posso cercare qualche biblioteca o centro di incontro dove i nostri vecchi libri possono avere una nuova vita.

3 – Fare la RACCOLTA DIFFERENZIATA. Buttare tutto in un sacchetto rende molto difficile riuscire a recuperare e riciclare. Difficile è trovare il giusto equilibrio tra facilità di gestione da parte del produttore ed efficacia della raccolta, anche perché ci vuole una buona qualità del rifiuto differenziato per permettere un buon risultato del passo successivo.

4 – RICICLARE e RECUPERARE il rifiuto differenziato. Qui è dove ci sono i problemi più grossi. Riciclare il vetro raccolto alla rinfusa è facile, ma occorrono impianti all’avanguardia per separare i diversi tipi di vetro e avere un risultato economicamente e qualitativamente valido. Molto più difficile il riciclaggio della plastica, o meglio ‘delle plastiche’. Ci sono ovviamente diversi sistemi per la separazione e il riutilizzo/riciclaggio delle plastiche, e per certi materiali si potrebbe arrivare a percentuali di riutilizzo superiori al 90%, ma allo stato attuale ci ritroviamo con situazioni a dir poco imbarazzanti. La Cina ha bloccato l’import di rifiuti in plastica, e i depositi italiani sono tanto pieni di balle di plastica che ogni tanto, ‘casualmente’, prendono fuoco… qualche esempio:

5 – E quello che resta? Si, perché anche assumendo che i passi da 1 a 4 siano stati fatti bene, che si sia fatto poco rifiuto, sia stata fatta la raccolta differenziata e si sia riciclato il tutto, che si siano rivisti i processi industriali per ridurre ancora, esiste ancora una parte di rifiuti, sia urbani che industriali (inclusi i rifiuti del riciclaggio) che in qualche modo deve essere smaltita.

A questo punto ci sono 2 alternative: discariche e termovalorizzatori. Le discariche significa fare un buco e lasciare li la roba ad accumularsi. I termovalorizzatori permettono di generare energia da rifiuti, e di ridurre di moltissimo la parte che va in discarica (perché ci sono le ceneri, che non sempre sono riutilizzabili…).

Ovviamente sia le discariche che i termovalorizzatori hanno i loro difetti, che andrebbero però valutati correttamente nell’intero ciclo dei rifiuti, e applicando il meglio delle tecnologie oggi disponibili. Un esempio è il termovalorizzatore di Copenaghen, mentre per le discariche non ho esempi virtuosi.

Soprattutto, non sono cose che si possono discutere senza dati di fatto oggettivi e in base allo schieramento politico…

 

 

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.