E se non fossi davvero allergico alla penicillina?

Cristina Da Rold

Secondo uno studio condotto College of Pharmacy dell’Università della Georgia, negli Stati Uniti, sono più di 30 milioni gli americani convinti di essere allergici alla penicillina che in realtà non lo sono. Un fraintendimento che porta a conseguenze tutt’altro che banali in termini di spesa sanitaria – e di effetti collaterali negativi derivanti dall’uso di antibiotici più potenti – oltre al rischio nell’aumento di pericolose infezioni resistenti agli antibiotici.

Non poter assumere penicilline significa scartare i principali antibiotici di primo livello come l’Amoxicillina, che è peraltro poco cara, obbligando il medico a prescrivere farmaci alternativi più costosi, talvolta troppo potenti rispetto al problema in questione e con maggiori effetti collaterali.

Qual è il motivo della sovradiagnosi?

Lo abbiamo chiesto a Paolo Pigatto, Responsabile dell’Unità Operativa di Dermatologia all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano e Professore di Dermatologia all’Università degli Studi di Milano.

Continua a leggere su OggiScienza: E se non fossi davvero allergico alla penicillina? 

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.