E ora? L’11 febbraio è tutti i giorni

Serena Fabbrini

L’11 febbraio si celebra la Giornata Internazionale delle Donne e Ragazze nella Scienza, voluta dall’Assemblea generale delle Nazione Unite nel 2015. L’evento, giunto al quinto anno e patrocinato dall’UNESCO, ci ricorda anche uno degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU, l’uguaglianza di genere, «non solo un diritto umano fondamentale, ma una necessità per un mondo di pace, prospero e sostenibile».

Certo, a leggere le prime righe della pagina del Global Gender Gap 2020 del World Economic Forum non c’è per niente da star sereni: «nessuno di noi vedrà la parità di genere nella nostra vita, e probabilmente nessuno dei nostri figli». Risultato scoraggiante dello studio cardine di questo settore, che mette a 99,5 anni il traguardo per raggiungere la parità di genere. E ancora, a leggere i titoli degli articoli apparsi sulla stampa italiana dopo che il team dell’Ospedale Spallanzani di Roma ha isolato e sequenziato il coronavirus, dove le dottoresse sono state definite «gli angeli della ricerca», è palese come questa nuova decade del XXI secolo si trascini dietro stigmi e pregiudizi secolari.

Continua a leggere su Oggiscienza: E ora? L’11 febbraio è tutti i giorni  

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.