Il coniglio: maneggiare con cura

Sara Stulle

Sei conigli su dieci odiano essere presi in braccio. Per essere più precisi sul termine “odiano”, potremmo dire che quando vengono sollevati provano una forma di paura simile a quella che vivono nel caso di un’aggressione da parte di un predatore. Lo dicono le indagini svolte da diversi ricercatori e raccolte nella preziosa review apparsa nel 2016 sul Journal of Small Animal Practice. In uno studio ancora precedente, Rooney e altri avevano già riportato che il 61% dei conigli mostrava segnali di paura quando preso in braccio dai proprietari e la percentuale saliva addirittura al 75% quando i conigli venivano sollevati da un adulto non familiare. Tant’è che reazioni violente di aggressione verso il proprietario durante questa pratica sono ben segnalate in studi sul benessere del coniglio, dal 2007 a oggi.

Continua a leggere su Oggiscienza: Il coniglio – maneggiare con cura 

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.