La qualità dell’aria a portata di smartphone

Alessandro Cattini

L’inverno è la stagione delle brutte notizie per quanto riguarda la qualità dell’aria. Anche in questi giorni in molte aree urbane del mondo gli alti livelli di inquinamento sembrano generare un’escalation di pessimismo. A Taiwan si prevede una settimana da incubo a causa della mancanza di vento e del fenomeno dell’inversione termica; a Delhi, sesta città più inquinata del mondo, si parla di un tragico fallimento della democrazia nel contenere gli effetti collaterali dell’urbanizzazione; a Budapest tutti i gruppi sensibili sono stati invitati a non uscire all’aperto.

Ma c’è anche chi cerca di reagire proponendo soluzioni innovative. A New York, per esempio, 30 mila veicoli della flotta municipale (macchine della polizia, autobus, camion dei pompieri…) saranno coinvolti nel progetto City Scanner, che prevede l’installazione di un sensore di ultima generazione su ciascuno di questi mezzi mobili. Muovendosi in modo capillare su tutta la superficie della metropoli questi strumenti potranno quindi raccogliere molti più dati sulla qualità dell’aria newyorkese.

Continua a leggere su Oggiscienza:La qualità dell’aria a portata di smartphone   

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.