COVID-19: come i decreti hanno modificato la mobilità italiana

Marco Boscolo

Il 23 febbraio scorso il Governo Conte ha posto limitazioni agli spostamenti nei comuni lombardi e veneti dove si sono registrati i focolai di COVID-19. Dopo un weekend un po’ incerto, con la chiusura della Lombardia e alcune provincie, dal 9 marzo le misure sono state estese all’Italia intera. Quanto saranno efficaci sul piano della diffusione di nuovi contagi lo scopriremo solamente col tempo. Oggi è però già possibile capire quanto meno si stanno spostando gli italiani.

Lo spiega il primo report, pubblicato venerdì 13 marzo, sui cambiamenti degli spostamenti degli italiani realizzato da un gruppo di ricercatori della Fondazione ISI. Nella settimana successiva al lockdown, per esempio, la mobilità tra le province italiane è scesa del 50%. «Le nostre analisi,» racconta al telefono Michele Tizzoni, uno degli autori del report, «mostrano anche una diminuzione consistente, fino al 50% circa, delle distanze medie percorse dai singoli cittadini nell’arco di una settimana».

Continua a leggere su Oggiscienza: COVID-19: come i decreti hanno modificato la mobilità italiana 

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.