Addio Piero.

E’ mancato il papà di tutti i cicappini, una pietra miliare nella divulgazione scientifica, e colui che con QUARK mi ha aperto il mondo della scienza.

Ecco il ricordo del CICAP.

Il nostro carissimo Piero Angela, il “papà” del CICAP e l’uomo che ha avvicinato alla scienza e al senso critico tantissimi italiani di tutte le generazioni, ci ha lasciati oggi, all’età di 93 anni. I nostri pensieri sono rivolti alla sua famiglia e ai tanti che lo hanno conosciuto e amato: a loro ci stringiamo, condividendone il dolore.

Per 33 anni, Piero ha partecipato con grande entusiasmo alle nostre iniziative, rappresentando per tutti noi una continua fonte d’ispirazione. L’idea di fondare il CICAP nacque in un periodo in cui nei media era dato molto spazio al mondo del paranormale, di solito in modo acritico, senza alcun criterio di controllo, anzi cercando il più delle volte l’avvenimento sensazionale e inseguendo gli indici di vendita e di ascolto.

“Piero Angela fu tra i primi a comprendere che nel nostro Paese ci fosse necessità di un movimento culturale e di opinione capace di promuovere la scienza e il pensiero razionale, contrastando la diffusione di teorie pseudoscientifiche. – racconta Sergio Della Sala, presidente del CICAP – Pensò, quindi, di affidare questo compito a un Comitato che raccogliesse esponenti della comunità scientifica e tanti cittadini e cittadine, perché i risultati e i metodi della scienza non sono un patrimonio di pochi, ma una ricchezza per tutta la collettività. Anche di questo gli siamo grati e per questo continua il nostro impegno, per portare avanti il suo lavoro e i suoi insegnamenti”.

Con la sua indagine critica Piero ha tracciato una strada importante, sulla quale si sono incamminati moltissimi divulgatori, dimostrandosi maestro impareggiabile di comunicazione della scienza. Chi ha avuto la fortuna di incontrare Piero Angela ha il ricordo di una persona gentile e generosa, che non si è mai sottratta al contatto con le persone che lo assediavano festanti in ogni occasione, anche quando ciò gli imponeva lunghe sessioni di firmacopie o di parole scambiate e mani strette. Amava, infatti, il suo pubblico e ne era ricambiato con calore.

Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non potrà mai essere colmato ma, come componenti del CICAP, abbiamo il dovere di raccogliere la sua eredità e portarla avanti: comunicare la scienza, contrastare la disinformazione, diffondere il senso critico sono ciò che lui vorrebbe che continuassimo a fare. E farlo con grande rispetto per tutti, anche per chi la pensa in modo diametralmente opposto al nostro. Come avrebbe fatto lui. Grazie, Piero. E ciao. Conta su di noi.

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in CICAP, Piero Angela e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.