Paralimpiadi: lo sport è per tutti

OggiScienza

La prossima edizione dei Giochi Paralimpici è la quindicesima e conta ben 23 diverse discipline, con competizioni che impegneranno oltre 4300 atleti provenienti da 176 nazioni.

SENZA BARRIERE – Ci siamo: ormai mancano pochi giorni all’inizio delle Paralimpiadi 2016. Dal 7 al 18 settembre, infatti, a Rio de Janeiro, avrà luogo la competizione destinata agli atleti con disabilità fisiche. Ma quando si sono disputati i primi Giochi Paralimpici ?

Un po’ di storia

È a sir Ludwig Guttmann, neurologo e neurochirurgo tedesco emigrato in Inghilterra nel 1939, che si deve la nascita delle paraolimpiadi. Quando Guttmann si trasferì a Stoke Mandeville, infatti, dal governo inglese ebbe l’incarico di creare il primo centro per il trattamento delle lesioni spinali. Il medico curava per lo più veterani feriti in modo grave durante la seconda guerra mondiale.

L’esperienza sul campo e il contatto con molti malati servirono a Guttmann per comprendere ulteriori…

View original post 498 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre era in viaggio tra Sirio e Nibiru, ha dovuto nascondere la sua identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vive a Novi Ligure (AL) da quando era bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ha iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente si occupa di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adora leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ha un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprì il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunse l’attività di divulgazione che lo hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...